Le malattie più comuni dei bambiniQuando un bambino inizia a frequentare l’asilo o la scuola elementare, ecco che insorgono i primi malanni e le prime malattie di tipo infettivo. Ma quali sono le malattie più frequenti nei nostri bambini?

Le malattie più comuni del bambino

L’ACETONE, è una specie di malattia fantasma che riempie di sgomento le mamme , qualcosa come uno spirito malefico al quale si attribuiscono i disturbi più svariati, dalla febbre al vomito, dal malessere generale ai dolori di ogni tipo e di ogni localizzazione. In realtà l’acetonemia è piuttosto un sintomo che una causa. Si tratta che le molecole degli alimenti che ingeriamo vengono demolite nel nostro organismo e i loro pezzi utilizzati per diversi scopi; ora, accade che, in certi casi questa operazione di smontaggio delle molecole non arriva fino alla fine, ma si arresta ad un certo punto, così che i frammenti non sfruttati dai tessuti vanno in giro nel sangue e disturbano in varie maniere il funzionamento del nostro corpo.

alice forum della donnaENTRA NEL FORUM DEL BAMBINO ORA!

Oppure entra a far parte di un GRUPPO per condividere con famigliari ed amici la tua malattia, se non esiste clicca QUI per richiedere l'attivazione del nuovo gruppo. Oppure contatta gli iscritti QUI
Sono cioè dei veleni. Il principale di questi veleni viene comunemente chiamato acetone.

IL MORBILLO

Il morbillo si trasmette direttamente da un individuo all’altro mediante il respiro, questa malattia di tipo infettivo può presentare una incubazione che varia tra i 10 e i 15 giorni. I primi sintomi che fanno suonare il campanello d’allarme, si presentano con febbre alta, che non tende a diminuire nemmeno con la terapia antibiotica. Successivamente compaiono tosse stizzosa, raffreddore e irritazione agli occhi. Dopo tre o quattro giorni, compare l’eruzione sulla pelle che consiste in macchie rosse, irregolari per forma e dimensioni, che frequentemente si uniscono fra loro. Le macchie si fanno evidenti dapprima dietro le orecchie, poi invadono la faccia e il corpo. Nel momento culminante della malattia il viso del bambino è gonfio, rosso e tumefatto, con gli occhi piccoli e arrossati. La febbre raggiunge di solito il massimo quando compare l’eruzione, e cade un paio di giorni dopo. Col diminuire della temperatura ritorna rapidamente il benessere e il bambino riprende la sua vivacità. La complicazione più frequente del morbillo è la bronchite.

E’ possibile evitare il Morbillo, mediante una vaccinazione. 

Le cure che sembrano più efficaci sono relative all’utilizzo di Talco Mentolato per lenire il prurito causato dall’irritazione cutanea.

 

  LA ROSOLIA

La rosolia si diffonde da individuo a individuo col respiro, o per mezzo di oggetti contaminati. L’incubazione varia da quattordici giorni a venti giorni circa. I sintomi più frequenti che si manifestano, è l’insorgere di febbre molto alta oppure modestissima. Possono manifestarsi diversi fattori premonitori, come, raffreddore e mal di gola, irritazione agli occhi, mal di testa. Ma questi segni iniziali talvolta mancano completamente. Dopo un giorno o due compare l’eruzione, la quale, ripeto, può anche saltare fuori in pieno benessere, senza essere preceduta da alcun segnale di allarme. Le macchie, che sono in genere più chiare di quelle del morbillo, cominciano dietro le orecchie, sulla fronte e sulle guance, e poi si diffondono sul rimanente corpo. talora si possono gonfiare le ghiandole sulla nuca, meno spesso quelle sul collo, alle ascelle, e agli inguini. E’ possibile evitare il contagio evitando la vicinanza con soggetti infetti e mediante vaccinazione. La cura consiste   di cibi ricche di vitamine, e un po’ di talco per il prurito.

LA SCARLATTINA

La scarlattina la malattia è causata da un’infezione che si trasmette da individuo ad individuo. Il germe responsabile è lo streptococco. L’incubazione va dai due ai sette giorni. I sintomi si presentano inizialmente con febbre elevata, mal di gola, vomito, dolori addominali, lingua ricoperta da una patina biancastra. Dopo ventiquattro ore compare l’eruzione, che parte di solito dal torace e si estende poi a tutto il corpo ma non al viso. Questa malattia non può essere evitata in nessun modo, dato che non è possibile individuare ed evitare tutti gli eventuali portatori sani. La migliore terapia è il riposo, specie nel periodo di febbre elevata, dieta leggera, vitamine. Il medico dovrà decidere se impiegare o no gli antibiotici.

LA VARICELLA

La varicella si trasmette attraverso l’aria, anche a distanza di parecchi metri in ambienti chiusi, ed è molto contagiosa. L’incubazione va fra i quattordici e i ventuno giorni. La malattia si presenta senza alcun segno premonitore. Comincia con una lieve febbre e con l’eruzione. Sulla pelle del viso, fra i capelli, sul tronco e ai genitali, meno sulle braccia e le gambe, compaiono delle macchie rosse di varie dimensioni, che in parte si trasformano in vescichette. Purtroppo non esistono vaccini per evitarla e la migliore precauzione resta quella di stare lontani dagli ammalati. La cura rimane sempre la stessa, con dieta ricca di vitamine ed acqua. Contro il prurito talco mentolato, sulle crosticine lasciate dalle vescichette, vasellina borica. E’ comunque opportuno interpellare il medico.

 

 

Correlati

  • Igiene intimaIgiene intima Igiene intima dei genitali Per l’igiene intima dei genitali esterni, esistono in commercio numerosissimi prodotti reperibili (preferibilmente) in farmacia. Si tratta di saponi liquidi che […]
  • Le malattie cardiovascolariLe malattie cardiovascolari Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di decesso per le popolazioni che fanno parte dell’Unione Europea. Uno studio molto approfondito in merito ha evidenziato, infatti, […]
  • VaricoceleVaricocele Il varicocele è una patologia vascolare che colpisce entrambi i sessi, anche se con incidenza decisamente diversa. La sua comparsa avviene, nella maggior parte dei casi, al termine […]
  • MORBO DI PAGETMORBO DI PAGET Il Morbo di Paget o del capezzolo, è un alterazione della pelle, simile ad un eczema, ma in realtà è un vero e proprio tumore. Difficile da diagnosticare, in quanto si manifesta come una […]
  • La quinta malattiaLa quinta malattia La quinta malattia è un’infezione di tipo virale provocata dal Parvovirus B 19, e tra le malattie esantematiche è una delle più lievi. I primi sintomi Si manifesta dopo un’incubazione […]