rinoplasticaLa rinoplastica

è un intervento chirurgico che consente di modellare la forma esterna del naso. Oltre ad essere usata nei casi di trauma o di disturbo respiratorio è una delle operazioni più richieste per il miglioramento estetico.
Come per tutti gli interventi di chirurgia estetica, anche per il modellamento del naso, è consigliabile rivolgersi a strutture accreditate e a personale specializzato che può intervenire senza stravolgere la fisionomia naturale del viso.
Con questa operazione si possono rendere meno evidenti difetti di dimensione e di forma e si possono altresì correggere gobbe e distanze tra naso e labbra o tra naso e fronte.

La rinoplastica,a livello di chirurgia, è un intervento delicato e complicato e deve essere eseguito da uno specialista competente in chirurgia plastica che operi in strutture autorizzate dove i rischi e le complicanze, come anche le banali infezioni, vengono ridotte al minimo.
Il percorso della rinoplastica comincia da una preventiva ed obbligatoria visita specialistica. E’ proprio in questa sede che il paziente deve prendere coscienza del cambiamento a cui va incontro.

Il medico, invece, deve valutare la forma, la grandezza, l’entità del difetto e deve proporre una soluzione in grado di adattarsi perfettamente al profilo e all’ovale del viso senza snaturare e stravolgere i lineamenti personali. A tale scopo vengono usati strumenti sempre più all’avanguardia che consentono l’elaborazione digitale delle immagini, per mostrare il reale risultato raggiungibile.

alice forum della donnaENTRA NEL FORUM DELLA DONNA ORA!

Oppure entra a far parte di un GRUPPO per condividere con famigliari ed amici la tua malattia, se non esiste clicca QUI per richiedere l'attivazione del nuovo gruppo. Oppure contatta gli iscritti QUI

Sempre durante una serie di visite preventive viene valutato lo stato di salute della persona che deve sopportare l’intervento e vengono date istruzioni precise da seguire nella fase pre e post operatoria. Queste indicazioni generalmente riguardano il fumo, l’alimentazione da seguire, l’assunzione di alcol, l’attività fisica e l’uso di eventuali farmaci. Le indicazioni del medico sono da seguire alla lettera in quanto ogni complicanza può compromettere la buona riuscita dell’intervento. Ad esempio, ai fumatori viene richiesto di diminuire il numero delle sigarette, in quanto questo può costituire un ritardo nel percorso di guarigione.

La rinoplastica,in linea generale, comporta un’anestesia totale e un ricovero di al massimo una o due notti. In alcuni casi l’operazione viene addirittura eseguita in regime di day hospital. Per gli interventi poco invasivi addirittura è prevista una anestesia locale unitamente ad una sedazione della persona che rende l’intervento ancora più sopportabile e meno pesante. L’operazione in sè può durare da pochi minuti fino ad un’ora e prevede l’applicazione di tamponi o di un piccolo gesso sul naso a discrezione di chi esegue la rinoplastica. Rispetto a qualche decennio fa, ormai i segni dell’intervento non sono visibili ad occhio nudo, in quanto i tagli vengono effettuati all’interno delle narici.

Per i due giorni successivi non si può stare stesi orizzontalmente, ma è consigliato anche durante il sonno mantenere una posizione con il busto sollevato. Dal terzo giorno in poi si può tornare ad un regime di vita normale evitando però fatiche, sforzi, saune, esposizione al sole e cibi bollenti. Anche l’uso degli occhiali richiede una decisa moderazione.

L’intervento di rinoplastica oggi consente di raggiungere risultati apprezzabili sia per il paziente sia per il medico che effettua l’operazione. Già trascorsi i primi 15 giorni emerge la nuova fisionomia del naso, ma è necessario un assestamento di circa un anno della parte modificata per conoscere il risultato definitivo. Per parecchie settimane risulterà del tutto normale un evidente gonfiore.

Non tutti sanno che la rinoplastica è il rimedio per tutti i difetti dovuti a un trauma o presenti dalla nascita e se interessa un mal funzionamento del setto nasale, è più propriamente chiamata settoplastica. La legge non impone un’età minima per sottoporsi all’intervento, ma essendo una procedura definitiva è bene attendere lo sviluppo totale delle cartilagini e delle ossa del naso.
Molte persone che si sottopongono a questo tipo di intervento correttivo colgono l’occasione per eliminare anche altri difetti estetici. La rinoplastica infatti può essere eseguita unitamente ad un lifting, ad una mentoplastica o ad una blefaroplastica, ovviamente sempre previo l’accordo del chirurgo.

Correlati

  • CIRROSI EPATICA E CIRROSI BILIARECIRROSI EPATICA E CIRROSI BILIARE La cirrosi epatica è una malattia progressiva, che colpisce le cellule sane del fegato, facendo sviluppare del tessuto fibrotico e dei noduli. La cirrosi biliare, invece, è caratterizzata […]
  • NANISMO IPOFISARIONANISMO IPOFISARIO E' caratterizzata da una crescita molto lenta nel bambino, che lo rende più piccolo della norma e questo è l'unico sintomo riscontrabile. Le cure vengono effettuate mediante l'assunzione […]
  • La diarreaLa diarrea La diarrea nei bambini si presenta come l’espulsione di feci poco solite (addirittura a volte totalmente liquide), con tracce di muco o di sangue, spesso maleodoranti. L’organismo, […]
  • TUBERCOLOSITUBERCOLOSI La tubercolosi è una malattia che si trasmette tramite contatto aereo dove un batterio, chiamato Mycobacterium tuberculosis, passa da un soggetto affetto ad uno sano, provocandone il […]
  • Obesità Obesità L’obesità Considerata una malattia endemica, perché diffusa in una zona geografica ben circoscritta, l’obesità è una tipica caratteristica dei paesi occidentali dove almeno un quarto […]