La forforaLa forfora è una patologia del cuoio capelluto ed è un disturbo piuttosto diffuso; le cause possono essere molteplici dalla dermatite seborroica, alla secchezza della pelle.

Questo imbarazzante problema può condizionare la relazionalità con le persone, ma fortunatamente esistono prodotti e precauzioni che tengono sotto controllo il problema attenuando le imbarazzanti conseguenze.

La forfora si presenta con una desquamazione più o meno abbondante del cuoio capelluto, queste scagliettine di pelle di colore bianco si staccano e cadono sulle spalle e tra i capelli, causando anche prurito che causa un’ulteriore abbondanza di forfora.
Quando il problema aumenta con una folta desquamazione, allora è il caso di rivolgersi ad un medico, il quale vi indicherà la cura da seguire.

Per prima cosa sarà necessario individuare uno shampoo antiforfora adatto al proprio tipo di capelli, ne esistono diversi in commercio con principi attivi importanti come lo zinco piritione, potente agente antibatterico e antimicotico, un’altra tipologia di shampoo sono quelli a base di catrame di carbone che rallenta in modo efficace il distacco delle cellule del cuoio capelluto.

Marco-forum-uomo-miconsigliENTRA NEL FORUM DELL'UOMO ORA!

Oppure entra a far parte di un GRUPPO per condividere con famigliari ed amici la tua malattia, se non esiste clicca QUI per richiedere l'attivazione del nuovo gruppo. Oppure contatta gli iscritti QUI

L’acido salicilico contenuto in alcuni prodotti esegue un vero e proprio scrub al cuoio capelluto ma bisogna prestare attenzione a non seccarlo troppo.
Lo shampoo con principio attivo di solfuro di selenio, rallenta in modo evidente la morte delle cellule, ma bisogna prestare attenzione a chi ha capelli tinti o decolorati.Anche il ketoconazolo è un importante principio attivo antimicotico ad ampio spettro, con ottimi risultati anche per i casi più difficili.
Usando questi prodotti in modo idoneo, come consigliato dal medico, otterrete risultati ottimali in breve tempo;

Ricordatevi che non tutti i prodotti agiscono allo stesso modo e ad alcune persone possono causare allergia, fate attenzione se durante l’utilizzo avvertite pizzicore, bruciore e arrossamenti, in questo caso interrompete immediatamente e avvisate il medico.

Anche lo stile di vita contribuisce in modo importante alla risoluzione di questa patologia, è dunque necessario evitare situazioni di grande stress con conseguente debilitazione organica;
Seguite una dieta sana ed equilibrata, con un giusto apporto di zinco, vitamine del gruppo B e alcuni grassi benefici, anche un giusto apporto di acqua e verdure danno beneficio al cuoio capelluto. è necessario il consumo di alcol e di alcuni formaggi grassi, causa di un’eccessiva secrezione sebacea.
State all’aria aperta, ricordatevi che la luce del sole è molto utile per combattere la forfora e dermatiti.

Cercate di non eccedere troppo con i prodotti per capelli tipo gel, lacche e schiume, causa di secchezza e desquamazione del cuoio capelluto; Anche una forte sudorazione è causa di infiammazione locale del cuoio capelluto con desquamazione;

ENTRA NEL FORUM E CONDIVIDI CON ALTRE PERSONE LA TUA MALATTIA ORA!

Anche questo potrebbe interessarti:

Come rimedi naturali, si consiglia di lavarsi i capelli, a giorni alterni, con l’olio di malaleuca, reperibile in erboristeria e negozi di prodotti naturali; questo particolare olio ha un grande potere antimicotico e antibatterico e si può trovare in dosi adeguate in shampoo naturali.

A volte ci sono patologie neurologiche che si manifestano con abbondante forfora, è dunque opportuno non sottovalutare il problema e avvisare il proprio medico se c’è un vistoso aumento della disfunzione.

E’ stato provato, dopo diversi studi nel campo, che gli uomini sono più soggetti alla forfora in quanto presentano ghiandole sebacee dl cuoio capelluto più grandi rispetto alla donna.

Per chi desidera provare a sconfiggere la forfora con i classici rimedi della nonna consiglio:
lavarsi i capelli con acqua e aceto di mele, ottimo stimolante della circolazione sanguigna e assorbente del sebo in eccesso.
In alternativa, fare impacchi con argilla verde ventilata, tenendo in posa venti minuti e sciacquare con abbondante acqua, l’argilla svolge un’azione antinfiammatoria, antibatterica e seboequilibrante, virtù necessarie per combattere la forfora.

Correlati

  • CandidosiCandidosi La candidosi – più comunemente dette “candida” – è un’infezione micotica piuttosto frequente, determinata dalla famiglia di funghi del genere Candida (il più comune è detto “Candida […]
  • La crosta latteaLa crosta lattea La crosta lattea, chiamata anche dermatite seborroica, rappresenta un disturbo causato da una secrezione eccessiva di sebo, cioè la sostanza grassa prodotta da diverse ghiandole della […]
  • Tinea corporisTinea corporis La tinea Corporis è un fungo della pelle, un'infezione che può colpire grandi e piccini. Esistono varie forme di questa infezione fungina, quella che riguarda il corpo si chiama appunto […]
  • Disturbi gastrointestinaliDisturbi gastrointestinali I disturbi gastrointestinali che possono colpire i bambini sono il vomito, le coliche gassose, la diarrea, il reflusso gastroesofageo e la stitichezza. Alcuni disturbi, come per […]
  • Malattie rareMalattie rare La maggioranza delle malattie che non vengono diagnosticate in tempi brevi o che non vengono curate in modo rigoroso, possono tramutarsi in croniche, portando così il soggetto a vivere in […]

Anche questo potrebbe interessarti: