le malattie allergicheLe malattie allergiche sono delle reazioni eccessive e abnormi dell’organismo nei confronti di determinate sostanze abitualmente non nocive; vi è, quindi, un’iperattività del sistema immunitario, il quale reagisce in maniera anomala nel momento in cui entra in contatto con i cosiddetti allergeni, cioè quelle sostanze capaci di scatenare una reazione allergica nei soggetti a essi sensibilizzati.

Si parla di malattie allergiche quando la manifestazione dell’allergia del soggetto diventa cronica.

ENTRA NEL FORUM E CONDIVIDI CON ALTRE PERSONE LA TUA MALATTIA ORA!

Le allergie sono spesso causa di congiuntivite, la quale non è altro che un’infiammazione della congiuntiva, cioè la membrana che riveste la parte interna delle palpebre e la superficie del globo oculare. Le congiuntiviti allergiche si manifestano soprattutto in primavera, al momento della fioritura di particolari piante e a seguito del contatto con alcune sostanze veicolate dall’aria come spore fungine,  polveri e pollini; ma altri fattori scatenanti possono essere gli acari della polvere o il pelo di animali domestici (cani e gatti).

RICHIEDI UN CONSULTO MEDICO

Una comunità straordinaria di Professionisti è a tua disposizione.
Cerca tra le tante risposte già ricevute da altri utenti QUI

 

Si tratta di un disturbo molto diffuso (25 – 35% della popolazione), che si manifesta con l’arrossamento degli occhi,  bruciore, forte prurito, gonfiore della congiuntiva, e un’abbondante lacrimazione; non vi sono, di solito, secrezioni purulente, e aumenta, inoltre, la sensibilità alle fonti di luce che creano insofferenza e fastidi (cosiddetta fotofobia). Generalmente, il fastidio riguarda entrambe le congiuntive, e talvolta si estende anche alle vie nasali, sotto forma di rinite o raffreddore.

Richiedi un consulto medico Gratis ORA!

Hai un problema di salute e senti il bisogno di consultare un medico? Sei una mamma, un papà e vuoi un consiglio utile per il tuo bimbo? Richiedi un consulto ad uno specialista e ascolta una seconda opinione.  Una comunità straordinaria di Professionisti è a tua disposizione.
Iscriviti ORA è Gratis oppure prova a cercare tra le tante risposte già ricevute da altri utenti QUI

 

La principale terapia consiste nell’interrompere l’utilizzo della sostanza che determina la congiuntivite,  ed evitare tutti quei luoghi in cui è presente il fattore scatenante; inoltre, per evitare il contatto con l’aria, può essere utile indossare occhiali protettivi. Nel caso in cui la congiuntivite sia determinata da pelo di animali o acari della polvere è necessario utilizzare materassi, cuscini, stoffe e sistemi di pulizia che siano particolarmente efficaci nel ridurre la presenza di questi.

La cura prescritta dal medico consiste nel ricorso periodico e costante a determinati colliri, a base di antistaminici o cortisonici; in particolare, i prodotti cortisonici devono essere sempre prescritti dal medico oculista.  In certi casi, può essere necessario associare  una terapia sistemica con farmaci corticosteroidi o antistaminici.

Per la diagnosi è, talvolta, utile eseguire alcuni esami da laboratorio, come l’esame del liquido lacrimale, o il cosiddetto Prick test, il quale consiste nell’iniezione superficiale di una quantità molto bassa di allergeni sospetti e laddove vi sia una reazione cutanea con arrossamento, il test sarà positivo.  Un altro possibile esame è il test di provocazione congiuntivale, il quale si effettua mettendo a contatto una piccola quantità dell’allergene con la congiuntiva, e in caso di risultato positivo vi sarà bruciore e arrossamento.

Correlati

  • Le ragioni che spingono gli utenti ad utilizzare il Web per la propria saluteLe ragioni che spingono gli utenti ad utilizzare il Web per la propria salute Le ragioni che spingono gli utenti ad usare il web ed i social media per cercare informazioni sanitarie. Girovagano nel mare magnum della rete tra forum medici made in Usa ed England, […]
  • Neonati  prematuriNeonati prematuri Neonati  prematuri: le nascite premature, sono dovute a dei problemi legati all'organismo della gestante, ed i più frequenti sono attribuibili ad un'ipertensione, diabete, ed […]
  • IPERCOLESTEROLEMIA PRIMITIVA POLIGENICAIPERCOLESTEROLEMIA PRIMITIVA POLIGENICA L’ipercolesterolemia poligenica è causata sia da fattori genetici che ambientali. Si tratta dunque di una patologia in cui una dieta inadeguata e lo scarso esercizio fisico si combinano ad […]
  • L’osteonecrosi dell’anca o della testa del femoreL’osteonecrosi dell’anca o della testa del femore Necrosi dell'anca o della testa del femore La testa del femore ha pochi vasi sanguigni  ed è relativamente facile che si lesionino causando l'osteonecrosi Che cosa è la necrosi o […]
  • Eiaculazione precoce Eiaculazione precoce L’eiaculazione precoce è un problema comune a sempre più uomini, i quali si rivolgono ai metodi più disparati (molti dei quali assolutamente inefficaci) per cercare di ovviare a una […]